Distrutta da Illuminismo e Era Progressista

E i morenti esultano

di Bionic Mosquito (LewRockwell.com, 25 maggio 2017)

Le luci si stanno spegnendo in tutta Europa; non le vedremo accese di nuovo in tutta la nostra vita.

–  Edward Grey, Segretario per gli Affari Esteri, alla vigilia della Grande Guerra

Prologo

Genesi 2: 9 Il Signore Dio fece germogliare dal suolo ogni sorta di alberi graditi alla vista e buoni da mangiare, tra cui l'albero della vita in mezzo al giardino e l'albero della conoscenza del bene e del male.

16 Il Signore Dio diede questo comando all'uomo: «Tu potrai mangiare di tutti gli alberi del giardino, 17 ma dell'albero della conoscenza del bene e del male non devi mangiare, perché, quando tu ne mangiassi, certamente moriresti».

Genesi 3: 1 Il serpente era la più astuta di tutte le bestie selvatiche fatte dal Signore Dio. Egli disse alla donna: «È vero che Dio ha detto: Non dovete mangiare di nessun albero del giardino?».

2 Rispose la donna al serpente: «Dei frutti degli alberi del giardino noi possiamo mangiare, 3 ma del frutto dell'albero che sta in mezzo al giardino Dio ha detto: Non ne dovete mangiare e non lo dovete toccare, altrimenti morirete».

4 Ma il serpente disse alla donna: «Non morirete affatto! 5 Anzi, Dio sa che quando voi ne mangiaste, si aprirebbero i vostri occhi e diventereste come Dio, conoscendo il bene e il male».

Conoscete tutti la storia: mangiarono il frutto, i loro occhi si aprirono, Dio li scacciò dal Giardino, e da allora sull'uomo c'è la maledizione della fatica e dell'eterna dannazione.

Naturalmente, non insisto che crediate alla storia.

Il Medio Evo

Cito da Fritz Kern, autore di “Kingship and Law in the Middle Ages”:

Per noi, la legge ha bisogno di un unico attributo per assumere validità: deve, direttamente o indirettamente, essere sancita dallo Stato. Nel Medio Evo, invece, diversi attributi tutti insieme erano essenziali: la legge medievale doveva essere "antica" legge e doveva essere "buona" legge... Se la legge non era antica e buona legge, non era legge per nulla, anche se era formalmente promulgata dallo Stato.
La legge era, nei fatti, consuetudine. Usanza da tempo immemore, testimoniata dalla gente più anziana e più credibile; la leges partum
Dove noi moderni abbiamo eretto tre altari separati, alla Legge, alla Politica, e alla Coscienza, e facciamo sacrifici ad ognuno di loro quale divinità sovrana, per la mente medievale regnava suprema la dea della Giustizia, con solo Dio e Fede al di sopra di lei, e nessuno al suo pari.

Un altro che ha scritto di quell'epoca è Jacques Barzun, uno studioso fenomenale di storia e cultura europea. Il suo libro “From Dawn to Decadence” è un must-read per chiunque sia interessato alla storia europea degli ultimi 500 anni. Barzun scrive, riguardo alla legge del Medio Evo e al Medio Evo in generale:

La verità è che nei 1000 anni prima del 1500 una nuova civilizzazione si sviluppò a partire da condizioni iniziali che erano inusitatamente difficili.... mostrando al mondo due rinascimenti prima di quello che ha monopolizzato questo nome.
.… gli invasori germanici portarono un tipo di legge di consuetudine a cui in seguito alcuni pensatori hanno attribuito l'idea di libertà individuale.... nessuna regola era considerata valida se non approvata da coloro che ne subivano gli effetti.
La legge anglo-sassone ... definiva il crimine letteralmente come infrazione alla pace.

Si trattava di una nazione di leggi, non di uomini; ogni nobile aveva potere di veto; il re era sottomesso alla legge, e il suo compito era limitato all'applicazione della legge, non a creare la legge; legge basata sul giuramento: giuramenti sacri tra le parti, e Dio era incluso.

Tutto ciò in un contesto culturale che incorporava pienamente la Chiesa; l'autorità del monarca temperata dalla concorrente struttura di amministrazione offerta dalla Chiesa.

Tornando a Kern:

Per noi, la legge effettivamente valida o legge positiva non è immorale bensì amorale; la sua origine non è nella coscienza, in Dio, nella natura, in ideali, idee, equità o simili, ma semplicemente nella volontà dello Stato, ed è sancita dal potere coercitivo dello Stato. D'altro canto, lo Stato per noi è qualcosa di più sacro di quanto fosse per la gente medievale...

Così siamo noi: legislazione e regolamentazione da parte di uomini più saggi di noi e più saggi di Dio. So che a molti lettori non piace la parte "di Dio" in questo; soffermiamoci allora solo sulla legge di consuetudine come era nota nel Medio Evo: la legge antica e buona, con crimine definito come infrangere la pace. Mi può star bene se va bene a voi.

La legge deve provenire da qualche parte. Quale di questi due modelli è più predicibile, meno arbitrario, più libertario? Porre la domanda equivale a risponderle; tuttavia, molti libertari (e la maggioranza degli altri) evitano (o persino combattono contro la logica risposta) questa domanda.

Il Rinascimento

Quello che ha monopolizzato la parola....

Il Rinascimento è stato un periodo nella storia europea, dal quattordicesimo al diciassettesimo secolo, considerato come il ponte culturale tra il Medio Evo e la storia moderna. Cominciò come un movimento culturale in Italia nell'epoca basso-medievale e in seguito si diffuse al resto dell'Europa, segnando l'inizio dell'Epoca Moderna.
La base intellettuale del Rinascimento fu la propria versione inventata di umanesimo, derivata dalla riscoperta della filosofia classica greca, come quella di Protagora, che disse che "L'uomo è la misura di tutte le cose".
(da Wikipedia)

Quel Protagora; in poche semplici parole disse così tanto. L'uomo è la misura; di tutte le cose; avanzamenti scientifici; progresso, sempre progresso; sappiamo meglio oggi di ieri.

L'uomo è la misura.  Che standard flessibile.  Chi tra voi apprezza l'economia austriaca, potrebbe considerare quanto ha funzionato bene riguardo al denaro: la flessibilità del denaro creato dall'uomo a confronto con lo standard offerto dal denaro originato dal mercato, costituito da una merce reale.

In opposizione alla consuetudine, l'uomo può creare leggi migliori, leggi scientifiche.  Come sta funzionando questo per voi?

L'Illuminismo

L'Illuminismo è stato un movimento intellettuale e filosofico che ha dominato il mondo delle idee in Europa durante il diciottesimo secolo, il Secolo della Filosofia. L'Illuminismo includeva una varietà di idee incentrate sulla ragione quale fonte primaria di autorità e legittimità, e ha portato avanti ideali come libertà, progresso, tolleranza, fraternità, governo costituzionale, e separazione di chiesa e stato.
(da Wikipedia)

“…una varietà di idee incentrate sulla ragione quale fonte primaria di autorità e legittimità…”  E dove altro avrebbe portato il Rinascimento?

In Occidente, siamo istruiti a credere che questo sia il massimo raggiungimento dell'uomo. Tutti gli uomini creati uguali e tutto il resto. Bene, se gli uomini sono creati uguali, allora quelli che creano e fanno applicare la legge in quanto la ragione dell'uomo è superiore alla ragione di Dio (o alla consuetudine, se preferite)  devono essere più uguali. Questi uomini dotati di ragione, intellettuali, più uguali, faranno tutto ciò che è in loro potere per ricordare a voi del loro status di più uguali.

Leggi per rendere tutti gli uomini - in tutto il mondo - uguali. Come sta funzionando questo per voi?

L'Era Progressista

L'Era Progressista è stato un periodo di grande diffusione di attivismo sociale e riforma politica negli Stati Uniti, dagli anni 1890 agli anni '20 del secolo scorso.
Alcuni esponenti progressisti sostenevano energicamente l'applicazione di metodi scientifici a economia, governo, industria, finanza, medicina, pedagogia, teologia, educazione e persino alla famiglia. Seguivano da vicino gli avanzamenti in corso all'epoca nell'Europa Occidentale e adottarono numerose politiche, quali una sostanziale trasformazione del sistema bancario con la creazione del Federal Reserve System nel 1913. I riformatori pensavano che i metodi tradizionali comportassero spreco e inefficienza, per cui erano ardentemente alla ricerca del "sistema migliore".
(da Wikipedia)

Non si può avere l'Illuminismo senza accettare anche l'Era Progressista, temo. Una volta accettata la saggezza delle leggi dell'uomo, si deve accettare la saggezza delle leggi dell'uomo (buffo come funziona). Woodrow Wilson è stato un'inevitabile conseguenza di Denis Diderot, Adam Smith, Benjamin Franklin, e Thomas Jefferson? Difficile sfuggire a questa possibilità... o verosimiglianza... o certezza.

La saggezza dell'uomo riguardo alla legge opposta alla saggezza di Dio (o consuetudine e cultura, se preferite). Siete sicuri di sapere la risposta libertaria?

Ritorno al Giardino

Ma aspettate! Si può certamente suggerire che gli enormi avanzamenti nella nostra vita economica siano avvenuti tutti 225 anni fa, circa alla stessa epoca dell'Illuminismo. Correlazione o causalità?

Riguardo a questo, offro Deirdre McCloskey. Lei (o lui) è forse il più colto studente della trasformazione: per molte migliaia di anni, l'uomo ha vissuto come ha sempre fatto - di base una vita agraria, di base una vita semplice di paese. Potreste trasportare qualcuno dal 2000 a.C. al 1700 d.C. e avrebbe pochi problemi ad adattarsi.

Ma non è così dal 1700 al 1900 - certamente non al 2000. Gli avanzamenti a partire da circa il 1800 sono stati esponenziali. Spiega McCloskey, presentando le sette Virtù Borghesi:

Sette. Questo è il numero delle virtù primarie secondo la tradizione occidentale da Platone fino ad Adam Smith. O secondo la tradizione di Confucio dal 479 a.C.. O secondo un sorprendente libro, pubblicato nel 2004 sotto l'egida della Associazione Americana di Psicologia, scritto da quaranta professori di psicologia e curato da Christopher Peterson e Martin E. P. Seligman, Character Strengths and Virtues: A Handbook and Classification. O, se ci pensate, secondo più o meno tutte le teorie di ciò che produce una vita umana fiorente.

Giustizia; Temperanza; Coraggio; Prudenza; Fede; Speranza; Carità. Sette. Tutte antecedenti all'Illuminismo.

Chi può dire come si sarebbe sviluppata la legge medievale se non fosse stata consumata dalla ragione dell'uomo? L'aria condizionata era possibile solo grazie all'Encyclopédie di Diderot? Si potrebbe dire che la ragione dell'uomo (riguardo alla legge) non era necessaria per raggiungere il progresso economico degli ultimi duecento anni; dopo tutto, queste "Virtù Borghesi" sono antecedenti o comunque derivano da fuori della tradizione Illuminista.

Tuttavia, fu scelta la ragione dell'uomo: legge tramite scienza; legge che pone alcuni uomini sopra alla legge, rendendo alcuni uomini più uguali degli altri. A beneficio di chi sarebbe questo? Vostro?

Il culmine

Proviamo quindi a chiudere il cerchio.  Per far questo, ritorniamo a Barzun:

Il colpo che ha scagliato il mondo moderno verso la sua traiettoria di auto-distruzione è stato la Grande Guerra del 1914-18.

Il suicidio dell'Occidente. Barzun propone, in modo ben coerente con la sua idea di "Alba" e "Decadenza", che sia avvenuto quello che egli definisce Il Grande Scambio - dal liberalismo al socialismo:

E' stata la pressione delle idee socialiste a farlo avvenire, soprattutto spinte dai gruppi riformisti in parlamento e dalla Fabian Society all'esterno. Con "Grande Scambio" intendo il capovolgimento dal liberalismo al suo contrario.
Il liberalismo si era affermato sul principio che il miglior governo è quello che meno governa; oggi in tutte le nazioni occidentali l'opinione politica ha rielaborato questo ideale di libertà verso ciò che è definito liberalità. Lo scambio ha gettato il vocabolario in confusione.

Sì, ma se lo scambio fosse stato inevitabile? Se i semi fossero stati piantati nel Rinascimento? Se, avendo l'uomo deciso di essere più intelligente di Dio, alla fine le leggi dell'uomo stabilite scientificamente avessero distrutto la libertà dell'uomo? Se il comunismo fosse l'inevitabile estensione di "tutti gli uomini sono creati uguali"?

Ricordo di aver letto più volte che i comunisti dei primi anni si riferivano alla loro filosofia politica come "democrazia". La generazione dei fondatori americani temeva la "democrazia". Tuttavia, è il comunismo/democrazia quello a cui hanno dato inizio?

Concordo con voi: è difficile per me afferrare questa possibilità. E' completamente al contrario del 100% di quello che ci viene insegnato. Tuttavia ecco qui. Direi... è più facile per me accettare questo oggi di quanto sarebbe stato dieci anni fa.

Conclusione

E' interessante: raggiungere la vetta dei valori liberali occidentali ha immediatamente preceduto la distruzione dell'Occidente. Il diciannovesimo secolo per molti versi è stato il periodo più liberale, libero, equo per l'Occidente - forse in tutta la sua storia. E poi la Grande Guerra - suicidio, costruito sulla saggezza scientifica della ragione dell'uomo.

Cosa c'è di nuovo?  Molte rivoluzioni hanno seguito la liberalizzazione del vecchio ordine. E' stato così in Francia; è stato così in Russia. Un disastro per entrambe.

La Grande Guerra ha accelerato e ingigantito la storia del "tutti gli uomini sono creati uguali". La vita politica, economica, culturale e sociale è stata completamente trasformata in tutto l'Occidente dopo questa guerra.

Epilogo

1 Corinzi 3: 18 Nessuno si illuda. Se qualcuno tra voi si crede un sapiente in questo mondo, si faccia stolto per diventare sapiente;

19 perché la sapienza di questo mondo è stoltezza davanti a Dio. Sta scritto infatti: Egli prende i sapienti per mezzo della loro astuzia- 20 E ancora: Il Signore sa che i disegni dei sapienti sono vani.

21 Quindi nessuno ponga la sua gloria negli uomini, perché tutto è vostro

Ricordate la citazione di Edward Grey con cui ho cominciato questo post. E' da notare che quando giunse la notizia della guerra, in tutte le capitali europee la folla si riversò nelle strade...

… per esultare.

----------------------------------