Ron Paul (RPI, 16 luglio 2018)

rp weekly buttonIl termine “deep state” è stato talmente abusato che potrebbe apparire senza significato. È diventato una pratica standard etichettare i propri avversari politici quali rappresentanti del "deep state", come tattica per scansare la difesa della propria posizione. Il presidente Trump ha spesso addossato al "deep state" i suoi problemi politici. I sostenitori di Trump hanno ideato grandi teorie complottiste  che coinvolgono il "deep state" per spiegare perché il presidente nomina neocon in posizioni chiave o non mantiene le sue promesse elettorali.

Tuttavia, il "deep state" non è una vasta e segreta teoria del complotto. Il deep state è reale, opera apertamente, è tutt'altro che monolitico. Il deep state è semplicemente l'apparato governativo permanente e non eletto, che continua ad espandere i suoi poteri indipendentemente da come votano gli americani.

Ci sono fazioni del deep state che vedono con favore le politiche del presidente Trump; in effetti, potremmo dire che il presidente Trump rappresenta alcune fazioni del deep state.

Altre fazioni del deep state sono determinate a vanificare ogni azione del presidente Trump che percepiscono come minacciosa. Qualsiasi mossa verso la pace con la Russia è sicuramente qualcosa che percepiscono come minaccioso. Ci sono centinaia di miliardi di ragioni -- altrimenti note come dollari -- per cui il complesso militare-industriale della Beltway è terrorizzato che scoppi la pace con la Russia e farà tutto quanto ci vuole per impedire che ciò accada.

È per questo che lo stato di accusa pronunciato venerdì dal Procuratore Generale Rod Rosenstein per 12 ufficiali di intelligence militare russi, accusati di interferenza nelle elezioni presidenziali del 2016, dovrebbe immediatamente sollevare qualche seria domanda.

Per prima cosa, l'ovvio: dopo più di un anno di indagini che hanno pubblicamente rivelato zero collusione tra la campagna di Trump e la Russia, perché far cadere questa bomba di accusa alla fine del ciclo di notizie nell'ultimo giorno lavorativo prima dello storico incontro Trump/Putin a Helsinki? Non sarebbe stato possibile annunciare l'accusa un mese fa o tra due settimane? Non è sospetto che ora nessuno parli di ridurre le tensioni con la Russia ma all'improvviso -- grazie al Special Counsel Robert Mueller -- tutti parlino di tensioni crescenti?

Purtroppo gran parte degli americani sembra non capiscano che le accuse non sono prove. In realtà sono spesso senza prove, come in questo caso.

Il governo russo ha cercato di interferire nelle elezioni presidenziali del 2016? È certamente possibile, tuttavia non lo sappiamo. Nessuna delle asserzioni del Dipartimento di Giustizia è stata testata in una corte di giustizia, come fortunatamente è richiesto dal nostro sistema legale. Non è sufficiente pronunciare accuse, come Mueller ha fatto: occorre provarle.

È per questo che dovremmo essere sospettosi di queste nuove accuse. Mueller sa che non dovrà mai difendere le sue asserzioni in un tribunale, quindi può lanciare le accuse che vuole.

È interessante che una delle società russe accusate da Mueller qualche mese fa abbia sorpreso il mondo dichiarandosi "non colpevole" e chiedendo di vedere le prove di Mueller. Lo Special Counsel ha proceduto a depositare diverse mozioni per ritardare la consegna delle prove.  Mueller ha qualcosa da nascondere?

Nel frattempo, perché nessuno parla delle elezioni, stimate in circa 100, in cui il governo americano si è immischiato dalla Seconda Guerra Mondiale in poi? Forse sarebbe il caso di mettere in ordine la nostra stessa casa?

-----------------------------------------

Scrivi un commento

Codice di sicurezza Aggiorna